Riccardo Fraccaro BLOG

Vittoria del M5S: la casta batte in ritirata, risparmiati 80 milioni di euro

imageIl M5S ha battuto la vera maggioranza che regge il Governo, ovvero il partito unico del vitalizio. I parlamentari di centro, destra e sinistra stanno portando avanti una strategia precisa per la crescita. Delle loro tasche, ovviamente. La crisi si aggrava ogni giorno, la sedia di Renzi comincia a scricchiolare e le elezioni anticipate si profilano all’orizzonte. Così in Senato è stato presentata una norma ad castam per assicurarsi che, in caso di scioglimento delle Camere, fossero ugualmente corrisposti i vitalizi.

 

 

L’ordine del giorno al bilancio di Palazzo Madama, firmato da Ncd, avrebbe consentito ai senatori di incassare gli assegni d’oro anche prima della scadenza naturale della legislatura. Se non ci fosse stato il M5S, la norma sarebbe senz’altro passata in cavalleria: ma li abbiamo colti con le mani nel sacco, costringendoli a ritirare l’indecente proposta. I vitalizi dei senatori costano ai cittadini 80 milioni di euro, soldi che con questa norma sarebbero stati erogati anche in caso di elezioni anticipate. Grazie alle nostre denunce la casta è stata costretta a battere in ritirata: ecco cosa succede quando i cittadini entrano nelle istituzioni. Il MoVimento 5 Stelle è in Parlamento per aprirlo come una scatoletta, siamo cittadini che vigilano come sentinelle perché la politica sia orientata al bene pubblico e non agli interessi personali. Questa è l’Italia a 5 Stelle! Noi continuiamo a fare la differenza nelle istituzioni, tutti i giorni, per il bene del Paese: ogni voto dato al M5S, è il caso di dirlo, è ben speso!

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: