Riccardo Fraccaro BLOG

TAV Brennero: il Politecnico di Milano demolisce l’analisi costi-benefici del Tunnel di base del Brennero

Fraccaro su studio PolitecnicoÈ il più grande cantiere europeo di tutti i tempi che servirà a costruire la galleria più lunga del mondo (considerando il collegamento alla galleria di circonvallazione di Innsbruck, sarebbe lunga 64 km), costerà ben 63 miliardi di euro e devasterà l’ambiente senza alcun beneficio per i cittadini. È il TAV del Brennero, la Trappola ad Alta Voracità che trasformerà il Trentino-Alto Adige in un corridoio merci inutilizzato, danneggiando in modo irrimediabile il valore collettivo delle nostre risorse. Tutto ciò ci è ancora più chiaro leggendo la “Valutazione indipendente dell’Analisi Costi Benefici ufficiale della nuova galleria di base del Brennero” prodotta dal dipartimento Traspol (Laboratorio di Politica dei Trasporti – Research Center on Trasport Policy) del Politecnico di Milano. Lo studio, elaborato su mio incarico, rileva l’obsolescenza dei dati utilizzati per le Analisi Costi Benefici del TAV Brennero del 2003 e del 2007, che sovrastimano in misura eccessiva il traffico futuro lungo l’asse del Brennero mentre la capacità di trasporto dell’infrastruttura ferrovia esistente viene sottostimata. Lo studio evidenzia inoltre gli errori e le mancanze in entrambe le ACB della società di consulenza Ernst&Young, che incidono in modo distorsivo sulla completezza, la qualità e la chiarezza dei risultati. Insomma, il presunto rapporto positivo tra i costi e i benefici dell’opera è una bufala che il Governo e la BBT SE hanno tenuto nascosta nei cassetti per più di 10 anni e che è stata resa pubblica solo grazie al M5S.

Questo approccio nel produrre le Analisi Costi Benefici, per cui i benefici sono sovrastimati e i costi naturalmente sottostimati, non è del resto nuovo ai promotori dei progetti TAV in Italia, basti vedere l’Analisi Costi Benefici del progetto TAV Torino-Lione, anch’essa demolita dalla valutazione dei professori Ponti e Maffi. Lo studio indipendente dei professori Grimaldi e Beria rafforza la posizione di chi crede che il TAV del Brennero sia un’opera inutile e dannosa, ideata per iniziativa ed esclusivo interesse delle lobbies del cemento e si aggiunge allo studio sulla salute pubblica, il quale è stato desecretato dal M5S dopo che il Governo e la società BBT SE l’hanno tenuto nascosto per 8 anni. Entrambi dimostrano scientificamente l’inutilità del progetto in quanto non serve né per migliorare in modo significativo la salute pubblica né per diminuire il traffico merci autostradale e quindi l’inquinamento che ne deriva.

In un paese come l’Italia, dove non ci sono grandi appalti senza tangenti e con un indice di corruzione che non ha pari nel mondo occidentale, il giro d’affari determinato dall’opera si traduce in enormi opportunità speculative garantite alle organizzazioni criminali. Le premesse ci sono tutte: Konrand Bergmeister, l’amministratore delegato di BBT condannato per appalto illegittimo e per manifesta incuria degli interessi pubblici, la mancanza assoluta di condivisione nelle scelte strategiche ed organizzative, il sistematico occultamento della documentazione tecnica e di programmazione economico-finanziaria dell’opera e le innumerevoli zone d’ombra pensate appositamente per garantire la connivenza tra pubblico e privato.

fraccaro_grillo_passaparolaSulla base della peer review dell’ACB elaborata da un ente indipendente e riconosciuto a livello internazionale come il Politecnico di Milano, venerdì 7 novembre noi portavoce a 5 Stelle abbiamo depositato una risoluzione in Commissione Trasporti alla Camera per impegnare il Governo a
1) produrre una nuova analisi costi-benefici basata su rilevazioni di traffico aggiornate, in conformità con la metodologia d’analisi riconosciuta dalla Commissione Europea e considerando il Brennero all’interno del sistema degli altri valichi alpini
2) desecretare il piano economico-finanziario del Tunnel di base (cominciamo a dubitare che esista visto che l’abbiamo richiesto a luglio ma non l’abbiamo ancora ottenuto) e
3) fornirci le analisi costi benefici e i piani economico-finanziari delle tratte di accesso sud (tratta di completamento 1 “Ponte Gardena (Nord) – Prato Isarco (Sud)”, lotto funzionale 2 “Circonvallazione di Bolzano, da Prato Isarco a Bronzolo”, lotto funzionale 3 “Circonvallazione Trento-Rovereto”).

Qui il post sul blog di Grillo #passaparola

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: