Riccardo Fraccaro BLOG

Sparkasse, la banca di Pd e Lega che frega i risparmiatori di Bolzano

180316La commistione tra politica e affari è un vulnus del nostro tessuto economico e sociale: le banche finanziano e controllano i partiti che approvano leggi per tutelarle e sono dentro i loro consigli di amministrazione, in un intreccio sempre più inestricabile a danno dei cittadini. Il M5S ha scoperto un nuovo scandalo che dimostra la patologia di questo sistema: la vicenda Sparkasse, la cassa di risparmio di Bolzano, in cui sono coinvolti i partiti locali, uomini del Pd e anche la Lega.

L’istituto ha accumulato perdite astronomiche, addirittura pari a 648 milioni di euro secondo gli ispettori di Bankitalia, a causa della gestione scellerata del credito da parte dei dirigenti. Bankitalia ha rilevato carenze nei controlli, omesse comunicazioni e mancato rispetto dei profili di rischio sanzionando per centinaia di migliaia di euro gli amministratori della banca.
Una banca controllata da una Fondazione in cui siedono soci in quota ai partiti, in particolare il Pd e la formazione locale Svp, che concedono prestiti di favore secondo logiche familistiche e clientelari in uno scandaloso conflitto di interessi che ha generato un cratere di perdite.

Una banca che ha scaricato questo disastro sui 20mila piccoli azionisti, tagliando il valore dei titoli posseduti addirittura del 36%. L’inchiesta su questa vicenda viene aperta dal procuratore Guido Rispoli, che però è socio della stessa fondazione Cassa di risparmio, e vede la misteriosa sparizione di documenti in seguito ad una perquisizione nei confronti di un dirigente dell’istituto. Nell’indifferenza generale è stato il M5S ha chiedere con forza al procuratore di farsi da parte e Rispoli ha dovuto ammettere la necessità di lasciare le indagini.

Per finire, la ciliegina sulla torta: ora come neocandidato dell’Organo di indirizzo della Fondazione Sparkasse, viene fatto il nome dell’imprenditore Dalle Nogare vicino al centrosinistra, in particolare al Patt, sotto processo con l’accusa di corruzione e indagato per abuso d’ufficio.

Quasi 650 milioni di euro in perdite stimati dalla Banca d’Italia, ben 20mila risparmiatori truffati, indagini in conflitto di interessi e partiti invischiata a piene mani nella gestione dissennata e clientelare del credito: questa è la vicenda della Cassa di Risparmio di Bolzano, che guarda caso è proprio la banca scelta dalla Lega per gestire i milioni di euro accumulati con i finanziamenti pubblici.

Solo il M5S, dopo anni di connivenze e omertà totali, ha avuto il coraggio di portare nelle istituzioni questo scandalo emblematico del legame malsano tra politica e banche, che si spalleggiano a vicenda per difendere un sistema di potere feudale, marcio e deleterio.
Abbiamo presentato un’interrogazione su questa vicenda, a mia prima firma, e non intendiamo arretrare di un solo millimetro: non possono essere sempre i risparmiatori a pagare, ora sono i partiti che devono assumersi le proprie responsabilità. Loro difendono le banche, noi siamo dalla parte dei cittadini.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: