Riccardo Fraccaro BLOG

Sei mesi di silenzio sul futuro del Parco Nazionale dello Stelvio

parco-nazionale-stelvioIeri mi sono rivolto al Presidente della Camera affinché solleciti il ministro dell’ambiente a rispondere all’interrogazione depositata il 19 marzo con la quale chiedo spiegazioni al Governo sul futuro di una delle aree naturali più antiche e distintive del nostro Paese, il Parco Nazionale dello Stelvio. Il parco, da ormai più di tre anni, è vittima dell’inettitudine di una classe politica incapace di delineare uno scenario normativo, organizzativo e gestionale che possa dar seguito ad una storia di successo iniziata nel 1935 e disinteressata a difenderlo dalla voracità di miopi amministratori locali in cerca di poltrone e libertà d’azione all’interno dei confini della zona protetta.

Nelle segrete stanze della Commissione paritaria Stato-Province Autonome – la cosiddetta Commissione dei 12 – si è consumata la prima parte del dramma dello smembramento del Parco in tre parti, province di Trento e di Bolzano e regione Lombardia. Ora la parola finale spetta al Governo ma, a quanto ci risulta, la trasparenza e la tempestività nel perseguire l’interesse pubblico nazionale, la tutela della natura e l’abbattimento delle frontiere per la costruzione di un’area protetta europea non sono virtù che lo caratterizzano.

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: