Riccardo Fraccaro BLOG

Riforme: ok rinvio a gennaio, per noi restano priorità

La decisione di chiedere il rinvio dell’esame della proposta di legge sull’introduzione del referendum propositivo dimostra che vogliamo garantire un ampio dibattito sul tema. Abbiamo accolto le istanze delle opposizioni di portare il provvedimento in Aula a gennaio in modo da sgomberare il campo da ogni polemica e concentrare il confronto sui contenuti. Vogliamo che tutte le forze politiche affrontino con spirito costruttivo una riforma che renderà più forte e partecipata la nostra democrazia. Il testo base depositato in Commissione è il frutto di un lavoro ponderato e condiviso, il M5S porta avanti da sempre l’impegno politico per l’introduzione degli strumenti di democrazia diretta e il giro di audizioni di esperti e costituzionalisti ha fornito ampi spunti di riflessione. Viste anche le tempistiche d’Aula, il rinvio a gennaio consentirà un esame attento e approfondito della proposta di legge. Il referendum propositivo resta una priorità della maggioranza e del Governo del cambiamento, perché consente di integrare democrazia diretta e rappresentativa. Il nostro modello prevede che le Camere abbiano un ruolo decisivo, perché il referendum si attiva solo in caso di loro inerzia, e questo significa che cittadini e deputati lavoreranno in sinergia alla formazione delle leggi. Ci sarà modo di esaminare la proposta di legge nel merito e procedere con la sua approvazione dopo un ampio confronto parlamentare. A differenza di quanto accaduto durante il mandato dell’ex premier Renzi, vogliamo che il Parlamento lavori in maniera attiva per realizzare il programma votato dai cittadini.

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: