Riccardo Fraccaro BLOG

Riforma appalti, le nostre richieste: pagamento diretto ai subappaltatori e incentivi alle imprese che si servono di manodopera locale

blocchi-pietra-porfido-trentinoA Roma sono ore decisive per la legge di riforma del codice degli appalti, in attesa dell’approvazione definitiva. Ma per fare di questa legge uno strumento davvero utile alle Pmi, al servizio della trasparenza e contro la corruzione e il malaffare dei poteri forti, si rendono necessarie alcune modifiche. A nome del MoVimento 5 Stelle ho chiesto di introdurre due modifiche: il pagamento diretto ai subappaltatori, un toccasana per le piccole e medie imprese troppo spesso schiacciate dalla concorrenza dei grandi gruppi societari, e meccanismi premiali per quelle imprese che si impegnino a servirsi di manodopera locale e a utilizzare beni e servizi locali.

Sono due principi decisivi, accolti nel parere della Commissione Politiche Ue della Camera, e sono gli stessi principi che chiediamo vengano inseriti anche nella riforma dei micro appalti della provincia di Trento. Una legge annunciata come una grande innovazione, ma i cui contenuti ancora non sono stati resi noti. Ed è per questo motivo che chiediamo alla Giunta Rossi di pubblicarla e di estendere la discussione anche agli altri gruppi politici. Questa riforma rappresenta una grande occasione: facciamo in modo che il risultato non sia solo la mera espressione di un sistema consociativo, ma sia davvero utile a favorire il tessuto produttivo e occupazionale locale.

(in allegato: il testo del parere della Commissione Politiche UE della Camera)

 

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: