Riccardo Fraccaro BLOG

Renzi si cancella la condanna per danno erariale con una norma ad personam!

SALVA MATTEORenzi vuole cancellarsi la condanna per danno erariale con una scandalosa norma ad personam: nella legge delega sulla Pubblica amministrazione è stata inserita una vera e propria sanatoria per salvare gli amministratori locali dal controllo della Corte dei Conti. Grazie ad un emendamento alla legge Madia, ovviamente a firma Pd, i politici non potranno più essere chiamati a rispondere delle proprie responsabilità sul piano amministrativo e contabile. Il 15 luglio Renzi dovrà affrontare una nuova udienza davanti alla Corte dei Conti per le assunzioni allegre da sindaco di Firenze: con questo vergognoso salvacondotto potrà farla franca. La famosa manina colpisce ancora.

 

Basta leggere il nuovo comma g-quater dell’articolo 13 della legge delega, come modificato dall’emendamento piddino 13.500, con cui si chiede di rafforzare la separazione tra indirizzo politico-amministrativo e gestione, anche attraverso l’esclusiva imputabilità ai dirigenti dei danni erariali. Un principio che già esiste e Renzi vuole estendere, addebitando tutto ai manager e cancellando con un colpo di spugna la responsabilità dei politici anche attraverso i decreti attuativi che seguiranno, per salvarsi definitivamente dalla condanna per danno erariale: se il reato smetterà di essere tale, il processo svanisce nel nulla. Il Pd è a tutti gli effetti un partito berlusconiano.

La norma salva-Matteo garantisce l’impunità degli amministratori disonesti calpestando le istituzioni e il bene comune. Per questo il premier ha bloccato in tutti i modi la legge del MoVimento 5 Stelle a mia prima firma sul conflitto di interessi. È evidente che il patto del Nazareno è fatto su misura anche per Renzi: la profonda sintonia con il pregiudicato per spartirsi il potere si fonda sulla politica ad personam.

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: