Riccardo Fraccaro BLOG

Renzi mente: fa affari sporchi con chi finanzia i terroristi, ecco le prove

mappaPer l’ennesima volta Renzi ha mentito: ha giurato che l’Italia non fa affari con chi finanzia il terrorismo, ma i fatti lo smentiscono. Negli ultimi anni sono state autorizzate esportazioni di armamenti per 54 miliardi di euro e la metà di esse ha riguardato Stati che non appartengono all’Ue né tanto meno alla Nato. La legge prevede di attenersi ai criteri di conformità rispetto alla nostra politica estera e di difesa, vietando la vendita a Paesi in conflitto. Invece abbiamo fornito sistemi d’arma ai regimi di Algeria, Arabia Saudita, Emirati Arabi, Oman e Turkmenistan, abbiamo rifornito Stati come la Libia, il Kuwait, la Siria e il Qatar.

Questo commercio ha letteralmente alimentato i conflitti in quelle aree, l’Italia sta accendendo la miccia della polveriera mediorientale aumentando il flusso di migranti che poi chiedono asilo. Soprattutto, l’Italia fa affari sporchi con chi finanzia i terroristi: è un dato di fatto che le nostre armi vanno a regimi che sostengono l’Isis, responsabile degli attacchi nel cuore dell’Europa e diretta minaccia per la nostra sicurezza. Il Governo, ad esempio, sta vendendo bombe all’Arabia Saudita e cacciabombardieri al Kuwait: due Stati che rappresentano i principali finanziatori di Daesh.

È per questo che, sull’export di armi italiano, Renzi è più opaco persino di Andreotti: nella relazione della Presidenza del Consiglio, diversamente da quanto avveniva in passato con un diretto controllo parlamentare, non sono più indicati i Paesi destinatari delle singole autorizzazioni rilasciate dalla Farnesina e il dettaglio del tipo di armamenti venduti. Il M5S chiede una moratoria totale sulla vendita di armi, Renzi invece calpesta i cittadini e fa solo gli interessi delle lobbies che lo hanno nominato.

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: