Riccardo Fraccaro BLOG

Renzi è il vecchio che avanza, il futuro appartiene a noi

Immagine da Spinoza.it

Dopo aver analizzato l’esito delle votazioni europee e aver compreso le ragioni di questo risultato, dobbiamo concentrarci sulla nostra azione politica per realizzare le istanze dei cittadini. Siamo nati per questo, lo faremo con ancora più grinta e con meno sbavature, ma con la consapevolezza che il M5S è destinato a vincere la sfida per il Governo del Paese. Abbiamo puntato in alto perché ritenevamo che i tempi fossero maturi, che la società fosse pronta ad aprire una nuova fase. Bene, ora dobbiamo creare le condizioni perché ciò avvenga al più presto: il nostro obiettivo sarà di informare e costruire, un pezzo alla volta, la nostra rivoluzione culturale. Con il nostro programma, le nostre proposte e le nostre sfide agli altri partiti sui temi prioritari cambieremo il Paese. Renzi è il vecchio che avanza, letteralmente. Il futuro appartiene a noi.

Siamo la prima vera opposizione del Paese e in questa fase è nostro dovere opporci ai disastri dei partiti, alla deriva dell’Europa ancora una volta in mano alle larghe intese. È vitale continuare a fare da argine e freno all’attuale sistema politico-finanziario, denunciarne tutti gli scandali e la corruttela, mentre dobbiamo potenziare il nostro impegno nelle istituzioni, a tutti i livelli, e mattone su mattone costruire la nostra alternativa di Governo. Dobbiamo continuare ad essere in MoVimento, ad attivarci per contrastare la malapolitica. Dobbiamo far brillare le nostre stelle, diffondere ancora di più le nostre idee positive per il futuro del Paese. Il nostro 21,5% conferma che non siamo un movimento di protesta, ma un MoVimento di speranza concreta per i cittadini che vogliono cambiare.

Lo testimonia un dato: abbiamo preso il 45% dei voti tra i giovani, siamo la prima forza politica per gli elettori tra i 18 e i 29 anni, siamo noi la maggioranza per le nuove generazioni. La nostra missione è di cambiare la politica e la classe dirigente, per eliminare le strutture di potere tra cittadini e istituzioni ed affermare il principio del bene comune nell’attività di governo. La partitocrazia, che persegue gli interessi di lobbies e poteri forti, ha provato in ogni modo a sabotare questo progetto e ha fatto ricorso all’usato sicuro. È rinata la Dc, ma a chi l’ha votata dico solo che dovrà ricredersi perché il M5S crescerà insieme alla società, perché i tempi cambiano più rapidamente di quanto vogliono farci credere e perché il nostro cammino per un Governo dei cittadini onesti e liberi è ormai inesorabile.

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: