Riccardo Fraccaro BLOG

#Renzi chiese dimissioni di Cancellieri.“Sembra che la legge non sia uguale per tutti”.E ora non #TornaAcasaLotti! #Pd,Partito Doppiopesista

Sentite cosa diceva il Bomba davanti a milioni di italiani: “In questa vicenda si intrecciano, fin dalla prima telefonata, dalle telefonate poi omesse nel racconto e dalle discussioni interne, una serie di messaggi per cui sembra che la legge non sia uguale per tutti. Sembra che se tu conosci qualcuno la svicoli, ce la fai. È un meccanismo atroce!”. Parole che calzano a pennello rispetto allo scandalo Consip.

Le ha pronunciate nel 2013, Renzi aveva appena scalato il partito e si apprestava a fare le scarpe a Letta per “andare a sminestrare” a Palazzo Chigi. Stava parlando della vicenda del Ministro Cancellieri, che telefonò ai Ligresti per manifestare solidarietà nei confronti del capofamiglia arrestato. Renzi chiosò: “Sono convinto che prima della mozione di sfiducia dovrebbe fare un passo indietro lei”.

Ora la mozione di sfiducia riguarda Lotti: anche nella sua vicenda si intrecciano telefonate, omissioni, discussioni al bar o nelle bettole, incontri e fatti di indagine per cui sembra che la legge non sia uguale per tutti. Sembra che se conosci qualcuno te la cavi, vinci gli appalti, intaschi tangenti e vieni anche avvisato se ti intercettano.

La differenze è che Lotti fa parte del Giglio tragico, quindi Renzi – con la sua grande ipocrisia – lo difende a spada tratta. Anzi, fa approvare il ddl penale per bloccare le intercettazioni e le indagini sui corrotti. Uno così ancora si candida a guidare il Paese. Pd, Partito Doppiopesista. Il loro tempo è agli sgoccioli, siate pronti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: