Riccardo Fraccaro BLOG

Nomina Costa al ministero affari regionali: a rischio le Autonomie di Trento e Bolzano

A Roma si svolge l’ennesimo valzer di poltrone e l’attuale viceministro della Giustizia Enrico Costa (Ncd), autore di una proposta di legge contro le autonomie, è in pole position per il Ministero affari regionali. Per scongiurare questa ipotesi sciagurata e impedire la nomina di Costa, invito tutte le forze politiche locali ad intervenire con un’azione comune nei confronti del Governo. La nostra Autonomia e il principio federalista che mira a responsabilizzare i territori attraverso l’autodeterminazione stanno correndo fortissimi rischi. L’on. Costa è infatti l’autore, assieme al collega on. Crosetto, di una proposta di legge costituzionale per eliminare le Regioni e le Province a statuto speciale.

Ricordo che la proposta di legge di Costa (2012) attacca in modo brutale le regioni speciali, minimizzando i progressi sociali ed economici ottenuti grazie ad una gestione oculata e responsabile delle risorse. Al contrario di questo progetto scellerato, che prevede la cancellazione con un colpo di spugna del percorso virtuoso seguito finora, la proposta del M5S si articola invece in un progetto di estensione dell’autonomia alle altre regioni, sia in un’ottica europeistica dei territori che di coinvolgimento popolare dal basso.

Come se non bastasse lo smantellamento progressivo sotto i colpi del centralismo renziano, con l’avvento di Costa al Ministero affari regionali le Autonomie speciali di Trento e Bolzano rischiano davvero di ricevere il colpo di grazia. È necessario agire tutti, prima che si inneschi un processo irreversibile che lascerà le nostre province autonome prive di difesa politica.

Dall’Autonomia dipende il futuro di questa regione, dei nostri figli, e sarà sulla nostra capacità di difenderla oggi che si misurerà il valore della nostra azione politica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: