Riccardo Fraccaro BLOG

Marino come Alemanno, il 90% degli appalti senza bando di gara. Elezioni subito

160915AOra Renzi è nei guai, le continue denunce del M5S sulle infiltrazioni criminali nel Comune di Roma sono comprovate dall’indagine dell’Autorità anticorruzione: il 90% delle procedure di affidamento degli appalti è avvenuto senza bando di gara. Ciò significa che i soldi pubblici sono stati attribuiti in modo diretto, con trattative private e dunque senza controlli né trasparenza, attraverso una violazione delle norme “addirittura spregiudicata” orientata verso un percorso “foriero di distorsioni di carattere corruttivo”. I risultati dell’analisi effettuata dall’Anac hanno un solo significato politico: il Comune va sciolto immediatamente, la parola deve tornare ai cittadini.

Dietro gli appalti pilotati ci sono interessi criminali, elemento confermato dalla totale omissione della verifica dei requisiti di partecipazione alle procedure che rendono l’Amministrazione un “porto franco”. Ieri come oggi. Negli ultimi 4 anni, infatti, sono stati assegnati senza gara pubblica lavori per 3 miliardi di euro: con Alemanno l’87,69% del totale e con Marino l’87,33%. Un sistema marcio che, senza soluzione di continuità, ha consentito di scegliere sempre gli stessi soggetti calpestando gli interessi della collettività. Sono almeno tre i gruppi coinvolti in Mafia Capitale: la coop 29 giugno di Buzzi, ovviamente, che ha intascato 17 milioni di euro, la Domus Caritas, con oltre 37 milioni, e la Casa della Solidarietà, con 18 milioni di euro. 72 milioni di euro in totale alle coop imputate. I criminali si sono arricchiti alle spalle dei cittadini, o si ripristina la democrazia o il Mondo di mezzo continuerà a saccheggiare le risorse pubbliche. Elezioni subito!

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: