Riccardo Fraccaro BLOG

L’ultimatum di Londra: Ue a due velocità o pronti alla Brexit. #ItaliaPrigioniera!

101115Il premier britannico David Cameron sta per inviare una lettera al presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk: un vero e proprio ultimatum in 4 punti prima del referendum sull’uscita del Regno Unito dall’Ue, che si svolgerà nei prossimi mesi. Ecco le richieste che rappresentano l’anticamera di un’Europa a due velocità.

1) una garanzia in bianco di “non discriminazione” ai danni dei Paesi che non adottano la moneta unica;

2) la garanzia che i Paesi fuori dall’Eurozona non vengano coinvolti e non debbano sobbarcarsi il peso dei salvataggi e dei fallimenti dei Paesi euro;

3) il diritto di avere una clausola di “opt-out” (esenzione) per tutte quelle politiche europee adottate nel primario interesse di maggior integrazione dei Paesi dell’Eurozona;

4) un riconoscimento ufficiale nei Trattati che l’Unione Europea diventi un’Unione “plurivalutaria”, nel senso che i Paesi aderenti possano adottare valute diverse.

Si tratta di minare i quattro pilastri su cui si fonda l’attuale struttura dell’Ue: Londra chiede di non creare una super-Nazione europea e anzi di consentire agli Stati il respingimento delle norme dannose per la sovranità, di non imporre l’euro come unica moneta per tutti i Paesi ma al contrario tutelare chi adotta la propria valuta.

Questo consentirà alle nazioni fuori dall’euro di avere autonomia in campo economico e fiscale rispetto a Bruxelles, intervento sui principi del libero flusso di persone e capitali. Gli Stati dell’Eurozona, invece, saranno costretti a subire la definitiva perdita della sovranità diventando a tutti gli effetti colonie dell’Ue germanocentrica.

Tale scenario rappresenta per l’Italia il rischio di restare imprigionata per sempre nelle catene della moneta unica. Il Regno Unito dimostra che la sovranità nazionale si può riconquistare. Il M5S ha raccolto 200mila firme per il referendum sull’uscita dall’euro ma i partiti lo ostacolano: un Governo di cittadini liberi è la nostra ancora di salvezza.

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: