Riccardo Fraccaro BLOG

L’industria crolla del 3,6%: con Renzi l’Italia riparte in retromarcia! Servono politiche a 5 stelle

250516Ancora una volta il nominato premier viene rottamato dalla dura realtà: i dati drammatici sull’industria diffusi dall’Istat smentiscono i trionfalismi da perenne campagna elettorale del Governo. Il fatturato del settore è crollato di ben 3,6 punti percentuali in un solo anno, è il calo peggiore registrato dal 2013 ad oggi. Con Renzi l’Italia riparte in retromarcia.

A determinare la contrazione del fatturato è la flessione sul mercato interno, che certifica come la ripresa economica sia solo un’allucinazione della mistificazione renziana. Sul crollo dell’industria pesa in particolare il settore auto, che nel 2016 perde il 6,5%. Questo è il risultato delle riforme alla Marchionne volute da Renzi, con sgravi che favoriscono i grandi gruppi e cancellazione dei diritti ai lavoratori.

L’Italia ha bisogno di politiche industriali in grado di difendere gli interessi nazionali, invece di rispondere alle logiche eurocentriche che hanno drenato le ricchezze verso il centro e nord Europa. Non possiamo continuare a pagare un prezzo così alto sul piano della perdita di competitività e di posti di lavoro, è necessario rilanciare la produttività recuperando anzitutto la nostra sovranità.

Renzi non ha elaborato ancora uno straccio di piano energetico, che il M5S ha invece tra le sue priorità per abbattere i costi e promuovere uno sviluppo sostenibile. Il Pd sta affossando l’Italia agli ordini delle lobbies, al Paese servono politiche a 5 Stelle per tornare a crescere. La matita nelle urne è l’arma migliore che abbiamo per cambiare l’Italia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: