Riccardo Fraccaro BLOG

«L’Adige» censura la mia replica: i direttori con la coda di paglia hanno paura di scrivere la verità

Il direttore del quotidiano «L’Adige» Pierangelo Giovanetti, che domenica scorsa ha pubblicato una vera e propria ‘fake news’ sul M5S e la legge elettorale, oggi dà spazio alla mia replica.
Peccato che l’abbia corredata di un titolo fuorviante, censurando spudoratamente i passaggi in cui faccio presente la scorrettezza e l’ignoranza su cui si fondano le accuse infamanti che rivolge a me e a tutto il M5S.
Giovanetti ha la coda di paglia e ha paura di scrivere la verità. Preferisce dare spazio ad accuse false, come quella di aver voluto eliminare con il mio emendamento la soglia di sbarramento regionale del 20%, mettendo a rischio la rappresentanza in Parlamento delle minoranze linguistiche.
Affermazioni gravissime, fatte per ignoranza o malafede, che però non devono stupirci, visto che Giovanetti considera il suo giornale non come uno spazio di informazione indipendente, ma come l’house organ del centrosinistra, da usare per gettare fango sul M5S.
Ecco di seguito la replica integrale e – a seguire – quella pubblicata dal quotidiano, per rendervi conto del livello di disinformazione raggiunto oggi da certa stampa italiana.
______________________________________
 
“Quasi ogni fine settimana il direttore de L’Adige utilizza lo spazio dell’editoriale per attaccare il MoVimento 5 Stelle. Questa domenica si è addirittura spinto ad accusarci di essere ignoranti e pericolosi nemici dell’Autonomia, perché con il mio emendamento alla legge elettorale sarebbe venuta meno la soglia del 20% a livello regionale per l’assegnazione dei seggi alla Camera alle liste delle minoranze linguistiche. Peccato che le sue invettive siano del tutto false e fuorvianti, ed è gravissimo che vengano diffuse impunemente su una delle principali testate del Trentino. Chiedo pertanto che a questa rettifica sia riservata la stessa visibilità della notizia a cui si riferisce e che, stavolta, sia anche accompagnata dalle scuse del direttore.
L’emendamento a mia prima firma proposto e votato in aula, infatti, non toccava in alcun modo la soglia regionale del 20%, che sarebbe rimasta intatta (alcuni emendamenti arrivati in Aula proponevano persino di abbassare tale soglia). Ho presentato una proposta finalizzata unicamente a introdurre un sistema elettorale proporzionale anche in Trentino-Alto Adige, in armonia con la legge elettorale nazionale, per dare più rappresentanza alle forze politiche locali, ferma restando l’esigenza di rappresentanza delle minoranze linguistiche, di cui non sarebbe stato compromesso alcun diritto. Anche i collegi uninominali sarebbero rimasti, dando però maggior spazio alla quota proporzionale. Non è questione di posizioni politiche: il direttore mi imputa un fatto mai accaduto e mai nemmeno voluto, dando risalto ad una falsa accusa fortemente lesiva dell’impegno del M5S nel difendere e valorizzare l’Autonomia.
Al contrario, l’emendamento a mia prima firma alla riforma elettorale e il voto largamente condiviso che ne è seguito, hanno ripristinato un principio di democrazia sventando un colpo di mano ai danni del nostro territorio. Decine di costituzionalisti avevano evidenziato come la legge in esame avrebbe prodotto un divario inaccettabile proprio ai danni del Trentino-Alto Adige, col risultato di depotenziare drasticamente le possibilità di rappresentanza in Parlamento delle istanze politiche locali. I cittadini italiani sarebbero andati al voto con una legge basata su tre punti cardine: sistema proporzionale, assenza di coalizioni e quote di genere. I Trentini, invece, avrebbero subito una grave compressione dei propri diritti, poiché la legge avrebbe minato i principi di rappresentatività e uguaglianza del voto: avrebbero infatti continuato a votare secondo le regole di un sistema maggioritario che favorisce le coalizioni, penalizza le opposizioni ed esclude le quote di genere proprio in caso di coalizione. Un’eccezione abilmente ammantata da ragioni storiche, etniche e linguistiche, spacciata come tutela delle specificità e minoranze locali, ma in realtà fatta solo per assicurare una sovra-rappresentanza alla coalizione di centrosinistra sedicente autonomista.
Anche su questo punto Giovanetti commette un madornale scivolone, tirando in ballo addirittura gli accordi internazionali e Alcide De Gasperi, per giustificare il voto “eccezionale” delle nostre province. Al contrario, questo sistema su base maggioritaria è in uso da tempi piuttosto recenti, cioè da quando nel 1993 è stato introdotto il Mattarellum. Da allora, questo sistema è servito ad assicurare non la tutela dell’Autonomia e delle minoranze linguistiche, ma piuttosto la poltrona a ben precisi partiti e coalizioni. Contro questa disuguaglianza inaccettabile, che usa l’Autonomia e le minoranze nient’altro che come foglia di fico per coprire ben più prosaici interessi di bottega e trasformare il territorio in un feudo del centrosinistra, il mio emendamento ha rappresentato un elemento di giustizia. Ma evidentemente, su questo punto il direttore Giovanetti condivide la concezione distorta dell’Autonomia del centrosinistra locale: i trentini non devono avere gli stessi diritti dei cittadini italiani, per assicurare così seggi alla loro coalizione. Lo stesso presidente Rossi ha dichiarato testualmente di volere “una legge che difenda dai pericoli rappresentati dal M5S”. Ammissione lapalissiana di chi si preoccupa solo di difendere il proprio feudo di potere, come del resto lui e il suo partito hanno sempre fatto: prima mettendosi al servizio di un premier che ha scritto nero su bianco di voler abolire le autonomie speciali, poi giustificando consiglieri accusati di corruzione elettorale e, ancora, difendendo i vitalizi e contribuendo a far percepire la nostra Autonomia come un privilegio. Degno successore di chi, prima di lui, contribuì ad alimentare quel sistema che oggi è noto con il termine di ‘magnadora’.
La veemenza con cui oggi questi partiti insorgono contro il MoVimento 5 stelle è comprensibile, perché viene messa in discussione quella consuetudine su cui si fonda il loro potere. Non è altrettanto comprensibile se invece certe accuse, per giunta manifestamente infondate, arrivano dal direttore di un quotidiano che si dichiara indipendente. La disinformazione del direttore Giovanetti ha raggiunto il limite intollerabile della menzogna, ma i trentini hanno compreso che il M5S ha difeso i loro diritti e l’Autonomia del territorio da chi vuol continuare a farne uno strumento per alimentare i privilegi dei politici, svilendola agli occhi dei cittadini”.
 
Riccardo Fraccaro
_________________________________________________

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: