Riccardo Fraccaro BLOG

Interrogazione su Bergmeister: un condannato alla guida di BBT SE

Konrad-Bergmeister_artikelBoxIl 10 settembre 2014 ho depositato un’interrogazione a risposta scritta al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per sapere se sia al corrente del fatto che Konrad Bergmeister, attuale amministratore delegato di nomina austriaca di BBT SE (la società italo-austriaca incaricata di realizzare il Progetto del Tunnel di base del Brennero), è stato condannato dalla Corte dei Conti di Trento (sentenza n. 58 del 2006) per un appalto illegittimo quando era direttore generale della società Autostrada del Brennero S.p.A. per – cito la sentenza dei magistrati – «palese e macroscopica inosservanza […] delle puntuali disposizioni di legge» e «manifesta incuria dei pubblici interessi», «in difformità dal lineare e trasparente “servizio” alla collettività nel fare oculato impiego delle pubbliche risorse»; inoltre, se sia a conoscenza che lo stesso ha patteggiato nel giudizio d’appello (sentenza della Corte dei conti sezione prima giurisdizionale centrale n. 155 del 2009), avvalendosi del beneficio della “definizione agevolata del giudizio” (Art.1, comma 231 ss. della legge n. 266/2005), ammettendo la propria colpa nonché la violazione di interessi pubblici giuridicamente protetti. Attraverso l’interrogazione chiedo quali provvedimenti lo stesso Ministero intenda assumere per garantire che nomine di questa importanza avvengano nel rispetto dei principi di imparzialità e correttezza.

Il progetto della nuova ferrovia del Brennero si rivela ogni giorno di più per quella che è la sua vera natura: una grande opera inutile, costosissima (64 miliardi di euro) e devastante per il territorio al solo fine di trasferire risorse pubbliche dai servizi ai cittadini alle tasche dei componenti della casta, di cui Bergmeister, con la sua condanna e le sue nomine, tra cui quella vergognosa, perché successiva alla sentenza d’appello, di presidente della Libera Università di Bolzano del 2010, è degno rappresentante.

Il M5S vorrebbe sapere se anche il Ministro dei Trasporti austriaco Doris Bures sia al corrente dei precedenti giudiziari di Bergmeister che, nonostante ciò, attraverso la società BBT SE di cui è amministratore per parte austriaca, gestisce appalti per miliardi di euro pagati attraverso le tasse dei cittadini.

Infine, il M5S, dopo aver desecretato lo studio Public Health tenuto sotto chiave dalla stessa BBT SE per 8 anni, il quale ha confermato la totale inutilità del progetto della nuova ferrovia del Brennero, vuole sapere quando la stessa società fornirà la documentazione richiesta dai consiglieri provinciali del Trentino-Alto Adige l’8 luglio e il 22 luglio tra cui il fondamentale ed ancora secretato Piano economico-finanziario del Progetto del Tunnel di base del Brennero.

 

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: