Riccardo Fraccaro BLOG

Indulto, Governo e maggioranza responsabili di un’evasione di Stato

Letta blinda Cancellieri, sfiducia è contro governoIl problema del sovraffollamento carcerario non può essere risolto con un provvedimento tampone, come il decreto “svuotacarceri” del Governo, che non ha nulla di strutturale e rappresenta solo un indulto mascherato. Questo ennesimo abuso della decretazione d’urgenza non è neppure giustificato dall’esigenza di garantire adeguate condizioni di vita ai detenuti, poiché dipende unicamente dalla scadenza prossima dei termini della sentenza CEDU “Torreggiani contro Italia, che comporterebbe gravi ripercussioni economiche per il nostro Paese. Per un mero calcolo economico, questo Governo ectoplasmatico e la sua maggioranza mutaforma si sono resi responsabili di un’evasione di massa di criminali, mafiosi e stupratori. Un’evasione di Stato a causa della quale chi ha subito un reato sarà vittima per la seconda volta e chi rischia la vita per servire lo Stato, come Nino Di Matteo, vedrà il proprio sacrificio vanificato. Letta, Cancellieri e i partiti di Governo hanno dimostrato fino a che punto sono capaci di disonorare le istituzioni e tradire i cittadini.

Anche volendo restare su un piano puramente finanziario, è necessario aumentare le dotazioni per le forze di sicurezza e i bilanci dei tribunali, impiegare le risorse per una riforma del sistema carcerario invece di fare gli interessi dei privati. Basti pensare alle misure riguardanti il cosiddetto braccialetto elettronico, che sarà probabilmente fatto di oro e diamanti visto quanto costa. Fino ad ora sono stati spesi, o meglio sprecati, 81 milioni di euro. Non contento, il Governo ha rinnovato la convenzione con Telecom senza alcuna gara pubblica fino al 2018. Il gigantesco conflitto di interessi del Ministro Cancellieri in questa vicenda conferma la necessità di introdurre una seria disciplina al riguardo, poiché non è possibile che un membro del Governo autorizzi questa spesa folle a beneficio, guarda caso, della società per cui lavora il figlio. La sudditanza della combriccola di Letta ai gruppi di potere e di pressione è un macigno che grava sul Paese.

La questione del sovraffollamento carcerario rappresenta un grave problema e la tutela dei diritti fondamentali dei detenuti costituisce un tema al quale legislatore non può rimanere insensibile. Questo dramma va però risolto a monte. Il M5S ha presentato un piano carceri che prevede il recupero funzionale delle strutture mal utilizzate e delle sezioni chiuse, la realizzazione di nuovi padiglioni e la riallocazione delle cubature, la depenalizzazione dei reati meno gravi e la revisione di leggi vergognose, il tutto per uscire una volta per tutte dalla situazione emergenziale invece di metterci una pezza ogni due anni. Questo decreto è l’esatto contrario di ciò che serve al Paese e andrebbe definito svuotaprocessi, perché li incenerisce all’istante concentrandosi in particolar modo su quelli già svolti. È come se non si fossero mai celebrati, li cancella con un colpo di spugna. Il Governo si sostituisce ai giudici e riesamina le pene decise in giudizio, abbonando urbi et orbi gli anni di carcere disposti al termine di un iter processuale ormai inutile.

A cosa serve celebrare dibattiti e udienze se, puntualmente, arriva qualche Governo che decide di introdurre una “liberazione anticipata speciale”? Questo ennesimo indulto vanifica il lavoro degli organi inquirenti e della magistratura, concedendo benefici agli autori dei reati e nessun tipo di garanzia alle vittime. Un provvedimento di clemenza o alternativo alla detenzione non può risolversi in un danno per la vittima del reato, per la quale si impone una tutela piena ed effettiva anche quando il soggetto torni a delinquere perché uscito dal carcere. Gli sconti previsti dal presente provvedimento minano la stessa certezza della pena: sono la foglia di fico che i partiti hanno usato per coprire la vergogna della situazione carceraria che hanno fatto incancrenire. Ancora una volta cala la ghigliottina, questa volta sulla giustizia.

 

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: