Riccardo Fraccaro BLOG

In Francia la sinistra di Hamon vince parlando di reddito di cittadinanza. In Italia il Pd irride la proposta M5S

Al primo turno delle primarie della sinistra in Francia ha vinto Benoît Hamon, diventando il favorito per il ballottaggio di domenica primissima. Una vittoria fondata su un programma che sconfessa il social-liberismo di Hollande e Valls.‬

‪Benoît vuole abolire il “Jobs Act” francese e legalizzare la cannabis, punta sull’ecologia con l’utilizzo delle fonti rinnovabili e promuove la democrazia diretta, i referendum e le leggi di iniziativa popolare.‬
‪Soprattutto, vuole introdurre un reddito di cittadinanza di 750 euro al mese per tutti i francesi.‬

‪In Italia il Pd, sedicente rappresentate della sinistra, irride la proposta M5S. Per noi è inaccettabile che un cittadino venga abbandonato dallo Stato e che il nostro Paese non abbia alcuna misura di tutela sociale e riattivazione economica. ‬
‪Si tratta di riconoscere il diritto di ciascuno a percepire un reddito di 780 euro mensili, che aumenta in base ai componenti del nucleo familiare. Non si tratta di assistenzialismo perché chi riceve il reddito deve iscriversi ai centri per l’impiego, iniziare un percorso di formazione, dimostrare di essere attivo nella ricerca del lavoro e contribuire ai progetti sociali organizzati dal suo Comune. ‬

‪È una misura di dignità, sempre più imprescindibile di fronte ai cambiamenti della società e del mondo del lavoro. In Trentino abbiamo formulato anche una proposta locale, che prevede di erogare il reddito in parte in denaro e in parte in equivalente monetario da spendere sul territorio tramite transazioni elettroniche per garantirne la tracciabilità. ‬

‪Abbiamo individuato precise coperture per la nostra proposta che non fa rimanere nessuno indietro, ma il Pd dice che i soldi non ci sono. Però regala 20 miliardi di euro alle banche. Con un Governo a 5 Stelle il reddito di cittadinanza sarà realtà. È solo questione di tempo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: