Riccardo Fraccaro BLOG

Il seme del referendum. I casi di Malles e Bolzano ci fanno ben sperare

Bottom Up Politics pyramidIl percorso per migliorare gli istituti di democrazia diretta incontra le resistenze di una grossa parte dei rappresentanti politici, siano di maggioranza o di opposizione. I primi sono contrari perché vedono nei cittadini la minaccia alla gestione del potere che esercitano in regime monopolistico mentre i secondi poiché vedono compromessa l’esclusività nella raccolta del malcontento e nella mediazione con il potere esecutivo. Nonostante questa situazione non sembri presentare vie d’uscita, non deve scoraggiare tutti coloro che sono impegnati nella battaglia per rafforzare i diritti referendari. Ci sono infatti delle vicende che ci dimostrano come i cittadini possano ottenere dei successi se l’azione civica è portata avanti con determinazione e continuità. Voglio pertanto segnalarvi due casi accaduti recentemente nella provincia di Bolzano e che ci fanno ben sperare.

Il primo val venostaè un caso che riguarda la salute pubblica in Val Venosta, dove da 10 anni, a Malles, un gruppo di cittadini lotta contro l’impiego indiscriminato dei pesticidi in agricoltura. Dopo tanti sforzi e senza ottenere risposta dalla politica, tre anni fa sono riusciti a regolamentare l’uso del referendum a livello comunale ottenendo l’introduzione del referendum propositivo con effetti vincolanti e l’abbassamento del quorum di partecipazione al 20%. Nelle settimane scorse, la semplice richiesta e la susseguente indizione del referendum (iniziativa popolare a voto popolare) per chiedere ai residenti di inserire nello Statuto comunale il divieto all’uso di pesticidi chimici e la promozione di prodotti fitosanitari in agricoltura hanno permesso di scardinare il disinteresse della politica. Infatti, con largo anticipo rispetto alla consultazione popolare, la Giunta provinciale di Bolzano ha licenziato un pacchetto di misure riguardanti l’impiego dei prodotti fitosanitari che vorrebbe essere da esempio per tutto il Paese. Inoltre, indipendentemente dal successo che è stato ottenuto a livello provinciale, la procedura referendaria non si ferma. La consultazione si svolgerà dal 22 agosto al 5 settembre per consentire a tutti di votare. Ogni elettore riceverà una busta con opuscolo informativo e scheda elettorale e potrà inviare il proprio voto per posta (a proprie spese) o imbucarlo manualmente nell’urna sigillata presso il Comune. Se la maggioranza voterà favorevolmente, il regolamento provinciale potrà trovare così concreta attuazione a livello comunale.

scempio benko stazione corriereIl secondo caso è avvenuto invece nella città capoluogo dell’Alto Adige dove il Comitato contro lo scempio Benko a Bolzano, con l’appoggio delle associazioni ambientaliste e di alcuni consiglieri comunali, si è opposto alle intenzioni dell’amministrazione locale di costruire un enorme centro commerciale su un parco adiacente il centro storico, il cosiddetto Parco della Stazione. Per opporsi al progetto proposto dalla giunta e sostenuto da un facoltoso costruttore austriaco, i cittadini avevano depositato una richiesta di referendum. Anche qui la semplice richiesta ha impaurito l’amministrazione, la quale ha fatto dietro-front introducendo nel Piano di riqualificazione urbanistica della zona una clausola attraverso la quale l’area di verde pubblico dovrà mantenere le dimensioni e le caratteristiche attuali, ovvero di essere alberata (verde profondo).

risposta_1 risposta_2 risposta_3 foto parco

Come vedete con la perseveranza i risultati si possono ottenere. Proprio per questo sono convinto che, partendo dal basso e malgrado l’avversione dei rappresentanti politici e qualche battuta d’arresto come avvenuto ieri in Consiglio provinciale a Trento, è possibile introdurre nuovi e forti strumenti di democrazia diretta. Solo con l’entusiasmo e l’impegno civico riusciremo quindi nell’intento di riportare la politica alla portata di tutti i cittadini e ritornare così … a riveder le stelle!

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: