Riccardo Fraccaro BLOG

Il Governo fissi l’election day per amministrative e referendum: 300 milioni risparmiati e più partecipazione. O ha paura?

Il Consiglio dei Ministri ha appena deciso che il referendum sui voucher e appalti si terrà il 28 maggio. Adesso c’è l’occasione di fissare per la stessa data le prossime elezioni comunali. In questo modo si potranno risparmiare ben 300 milioni di euro. Soprattutto, si favorirà la partecipazione popolare.

La consultazione referendaria richiede infatti il raggiungimento di un quorum. Organizzarla in coincidenza con le amministrative, quindi, aumenterà l’affluenza elettorale. A meno che il Governo non intenda sabotare il quesito, come già accadde per il referendum sulle trivelle.

È gravissimo pensare di sprecasse altri 300 milioni di euro, che potrebbero essere investiti sul sociale, scoraggiando al tempo stesso la partecipazione. C’è tempo fino al primo aprile per fissare la data delle elezioni in coincidenza con il referendum. Chiediamo l’election day, non possiamo sprecare 600 milioni in due anni perché il Pd ha paura della democrazia. Quando saremo al Governo aboliremo il quorum perché, per noi, niente conta di più della sovranità popolare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: