Riccardo Fraccaro BLOG

I tagli della spending review di Renzi: Cottarelli e mangiati

300x01395214497470cottarenziIl commissario alla Spending review, Carlo Cottarelli, ha alzato bandiera bianca affermando che gli eventuali tagli alla spesa pubblica che tenta di realizzare vengono subito impiegati per aumentarla. In pratica, ha confessato che sta drenando lo straripante sperpero di risorse dello Stato con uno secchio bucato: non fa in tempo a mettere da parte un risparmio che finisce di nuovo nel calderone degli sprechi. Quindi lo paghiamo 200mila euro l’anno non per ridurre i costi, ma per moltiplicarli: ecco in che senso Renzi prometteva di cambiare verso.

Con lui, le varie caste d’Italia dormono sogni d’oro. Il M5S ha proposto tagli a sprechi e privilegi, a partire da quelli dei parlamentari, ma il Governo preferisce continuare ad aumentare il debito pubblico. Insomma, la spending review non servirà a ridurre le tasse a cittadini e imprese, né tanto meno a garantire copertura finanziaria alle sue slide, ma solo ad alimentare la già insostenibile spesa pubblica dello Stato e a rendere sempre più inevitabile una manovra da lacrime e sangue. Ecco i tagli di Renzi: Cottarelli e subito mangiati.

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: