Riccardo Fraccaro BLOG

Grazie al M5S si calendarizza il conflitto di interessi, ma per colpa di Renzi il Parlamento non potrà discuterne!

confint2Abbiamo dovuto lottare oltre un anno e mezzo per costringere i partiti ad affrontare il conflitto di interessi. A cominciare dal Pd, che in campagna elettorale aveva promesso ai suoi elettori di approvare subito una legge, salvo fare l’esatto opposto in Parlamento. Siamo entrati nelle istituzioni per aprirle come una scatoletta, portare le istanze dei cittadini e tenere il fiato sul collo alla casta. Le nostre pressioni hanno finalmente costretto la maggioranza a calendarizzare il provvedimento in Aula, ma naturalmente abbiamo subito scoperto che l’accordo stipulato dal Pd prevede di far scrivere a Forza Italia il testo sul conflitto di interessi. Il paradosso non finisce qui: come da contratto, Berlusconi si è intestato la stesura del provvedimento e Renzi ha provveduto a minarne l’iter.

 

Il Patto del Nazareno contiene infatti una postilla ben nascosta, tipo quelle pubblicità con l’asterisco che nascondono la fregatura: la legge sul conflitto di interessi arriverà alla Camera il 9 dicembre, ma non potrà essere esaminata in quanto manca la relazione tecnica da parte della Presidenza del Consiglio prevista per legge. Non solo Pd e Forza Italia hanno fatto melina sul conflitto di interessi, affossato la legge M5S e alla fine concordato un testo unificato che è una Frattini-bis. Per compiacere Berlusconi, Renzi ha fatto ostruzionismo rispetto alla richiesta di produrre una relazione tecnica sul provvedimento che è prevista per legge! Dopo settimane di ritardo e solo dietro le nostre denunce, Palazzo Chigi si è deciso a tirar fuori uno straccio di relazione che è stata subito respinta con perdite dalla Ragioneria di Stato.

Da fine ottobre aspettiamo che Renzi rimedi a questa bocciatura che sta bloccando la discussione sul conflitto di interessi, affinché i partiti possano assumersi le proprie responsabilità di fronte al Paese. Visto che il Presidente del Consiglio continua a fare lo gnorri, invierò una lettera alla Boldrini per chiedere di garantire il rispetto del ruolo centrale che il Parlamento deve avere nella nostra democrazia. Se pensano di poter fare i loro comodi alle spalle dei cittadini ignari, si sbagliano di grosso.

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: