Riccardo Fraccaro BLOG

Concentrazione di arsenico negli acquedotti del Trentino-Alto Adige: interrogazione ai ministri dell’ambiente e della salute

Acqua potabileCon una decisione dell’ottobre 2010 la Commissione Europea individuò 10 acquedotti del Trentino-Alto Adige con concentrazioni di arsenico fuori dalla norma e che quindi presentavano una situazione di rischio per la salute umana. Successivamente, le comunicazioni e le risposte delle amministrazioni delle province di Trento e Bolzano agli atti ispettivi presentati in sede locale hanno confermato il superamento delle situazioni di pericolo. Ciò nonostante, ho ricevuto insistenti segnalazioni dai cittadini più attenti nonchè da rappresentanti degli enti locali. Tali preoccupazioni sono riemerse con forza dopo l’attivazione della procedura di infrazione della Commissione Europea nei confronti dell’Italia per l’inosservanza della direttiva europea 98/83/CE.

Ho ritenuto pertanto opportuno verificare con il Governo l’attendibilità delle misure prese dai gestori delle risorse idriche al fine ridurre le concentrazioni di arsenico e i controlli ispettivi effettuati dalle amministrazioni locali. A riguardo ho sottoposto un’interrogazione sottoscritta anche dalla collega Federica Daga della commissione ambiente da sempre attenta al tema dell’acqua bene comune

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: