Riccardo Fraccaro BLOG

Cala l’aspettativa di vita: Welfare azzerato in nome della speculazione, riprendiamoci i diritti

osÈ la prima volta nella storia d’Italia: l’aspettativa di vita, che dal dopoguerra era aumentata di tre mesi l’anno, ora è in calo. Un fenomeno mai registrato prima, che riguarda tutte le regioni da Nord a Sud. La causa di questo allarmante trend è essenzialmente politica: siamo il fanalino di coda del mondo per la prevenzione, la sanità è un lusso che pochi si possono permettere a causa di costi elevati, tagli ai servizi essenziali e corruttela dilagante. E il Governo Renzi non fa che alimentare questo stillicidio.

Nel 2014 la speranza di vita era di 80,3 anni per gli uomini e 85 anni per le donne, nel 2015 è scesa rispettivamente a 80,1 e 84,7. In media, si tratta di perdere 1 anno di vita ogni 4 anni: una prospettiva tragica perché senza un cambio di rotta è destinata solo a peggiorare.
Negli ultimi anni c’è stata una riduzione dei finanziamenti al servizio sanitario pari a 15 miliardi, di cui ben 5 tagliati da Renzi. La corruzione nel settore ci costa 6 miliardi ogni anno, ma invece di intaccare sprechi e privilegi si sacrificano sempre i diritti degli onesti contribuenti a vantaggio del settore privato.

È la politica dell’austerity imposta ai cittadini in nome della speculazione finanziaria, la Sanità è un costo da azzerare come l’ambiente, le pensioni, la scuola, il reddito di cittadinanza: si ricompensa il crac dell’euro azzerando il welfare. Sono i diritti fondamentali dell’individuo che dobbiamo riconquistare, lo faremo continuano a ricostruire l’idea stessa di comunità che ci hanno strappato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: