Riccardo Fraccaro BLOG

Boschi in conflitto di interessi: la Banca Etruria amministrata dal padre, di cui il ministro è azionista, vola in borsa grazie al dl sulle popolari approvato dal Cdm

ImmaginemebIl decreto sulle banche popolari approvato dal Consiglio dei ministri è il biglietto da visita del Governo: un regalo ai poteri forti, all’alta finanza e agli speculatori internazionali, che avrà un enorme impatto negativo sul credito e sul risparmio. Renzi premia i poteri forti che lo hanno nominato e danneggia famiglie e imprese, ma non basta: il provvedimento, divulgato nei dettagli dal premier già prima della sua approvazione, ha fatto salire alle stelle i titoli delle banche interessate. Una in particolare: la Popolare dell’Etruria e del Lazio. Proprio l’istituto di cui Maria Elena Boschi è socia: ne possiede ben 1557 azioni. E di cui suo padre, Pier Luigi Boschi, è vicepresidente.

Il mastodontico conflitto di interessi del ministro fa invidia persino a Berlusconi: è sempre più lampante la vera ragione dell’ostruzionismo fatto contro la legge M5S a mia prima firma. Questo Governo sta usando le istituzioni per i propri interessi personali. In una sola settimana, la Banca Etruria ha goduto di un rialzo pari addirittura al 65%. Il MoVimento 5 Stelle ha presentato un esposto alla Consob sulla fuga di notizie per evidente turbativa del mercato, ma il ministro Boschi ora deve venire in Parlamento per assumersi le proprie responsabilità di fronte ai cittadini. Ecco cosa intendeva il premier quando ha dichiarato che le famiglie italiane si stanno arricchendo: si riferiva alle loro! Il partito unico del Nazareno vuole ancora la politica ad personam, per questo continuiamo ad opporci con tutte le nostre forze al Governo Renzusconi.

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: