Riccardo Fraccaro BLOG

Arriva la norma per bloccare le intercettazioni, Renzi è il garante dell’impunità della casta. Noi non ci faremo intimidire!

il-bavaglioIl Nuovo Centro Detenuti è il partito con il più alto tasso di parlamentari noti alle cronache giudiziarie. Quindi, dall’alto di una simile esperienza, il presunto ministro Alfano fissa le priorità del Governo: imporre il bavaglio sulle intercettazioni. È l’ultimo mattone del muro della vergogna innalzato a protezione della casta, la definitiva garanzia dell’impunità totale per i politici disonesti. Se un tale obbrobrio fosse già divenuto legge, Lupi sarebbe ancora al suo posto a intrallazzare con la cricca. Ora, con cinque sottosegretari indagati, il Governo pensa bene di correre subito ai ripari introducendo una vera e propria licenza di delinquere alle spalle dei cittadini.

 

Renzi, che è stato messo lì apposta ed è pur sempre alla guida di un partito che si autodefinisce “pericoloso e clientelare”, ha chiarito meglio il concetto dichiarando: “Le persone meritano di essere giudicate in tribunale, non dall’opinione pubblica”. Quindi no alle intercettazioni. E poi, a scanso di equivoci, ha aggiunto: “Non ci facciamo condizionare dagli avvisi di garanzia”. Quindi no anche ai tribunali: il Governo vuole che la casta sia al di sopra dei cittadini e anche della legge. Quando Berlusconi voleva realizzare questi stessi obiettivi tutti gridavano allo scandalo. Ora non vedo campagne sui giornali e nemmeno dissensi interni contro il bavaglio, anzi. La stampa italiana, come anche la minoranza Pd, ha ormai raggiunto una nuova fase: quella del sadismo. Ci penserà il M5S ad informare e a lottare contro questa deriva sempre più autoritaria e in difesa della democrazia. Noi non ci faremo imbavagliare!

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: