Riccardo Fraccaro BLOG

Alluvione nel trevigiano, un disastro annunciato: si passi da emergenza a prevenzione

sliderenziaprileLa tragedia che ha colpito il trevigiano mi addolora profondamente. Sono nato nella zona che è stata investita dall’alluvione e partecipo personalmente al lutto di un’intera comunità. Quattro persone morte, otto ferite di cui due in gravissime condizioni, diverse aree sommerse dal fango e stato di calamità chiesto per quattro Comuni. Nulla, neppure l’eccezionalità delle piogge, può giustificare una simile devastazione. I segnali d’allarme sono stati ignorati ed è mancata una politica di monitoraggio e prevenzione: siamo di fronte ad un disastro annunciato.


Appena sei mesi fa, un’analoga “bomba d’acqua” aveva causato frane, smottamenti ed esondazioni nella stessa zona. Ciò dimostra che il dissesto idrogeologico non si può risolvere con interventi tampone, serve un piano nazionale che consenta di investire le risorse per la messa in sicurezza del territorio e non per affrontare le tragedie dopo che si sono verificate. Il Governo aveva promesso 1,5 miliardi di euro dal 1° aprile, ma non è stato stanziato un solo centesimo. Invocare ora misure straordinarie significa piangere lacrime di coccodrillo.

È necessario individuare le responsabilità per impedire che simili tragedie possano verificarsi ancora. A cominciare dalla mappatura geologica del Paese, senza la quale è impossibile elaborare un programma strutturale di interventi contro il dissesto, dalla lotta al consumo del suolo, che espone i territori a rischi inaccettabili, dalla manutenzione e dal presidio delle zone più soggette ad eventi calamitosi, per evitare di farsi trovare sempre impreparati di fronte ai cambiamenti climatici.

Renzi annuncia ora un piano “sblocca dissesto”, che introduce i permessi edilizi facili e spinge sull’acceleratore delle grandi opere: due fattori inconciliabili con la tutela ambientale. Il dissesto va invece bloccato attraverso strumenti concreti. È stata approvata una mozione del M5S per eliminare dal patto di stabilità gli interventi dei Comuni per la messa in sicurezza dei territori, il Governo la applichi per passare dall’emergenza alla prevenzione.

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: