Riccardo Fraccaro BLOG

Immigrazione, Fraccaro (M5S): «Sistema inadeguato: identificazione entro 30 giorni e controlli efficienti»

immigrazione“Dalle migliaia di morti in mare, ai casi di natura giudiziaria che hanno interessato la Penisola, fino alla notizia che a primavera l’Austria chiuderà le frontiere. Altro che campioni di accoglienza, siamo i campioni della disorganizzazione. A livello nazionale ma anche locale, manca ancora una politica chiara sull’immigrazione, che deve prevedere prima di tutto tempi rapidi di identificazione e controlli efficienti”. Lo dichiara il deputato M5S Riccardo Fraccaro, che denuncia le gravi carenze del sistema provinciale e nazionale di accoglienza dei migranti.

“Ognuno deve fare il suo compito, ai vari livelli istituzionali. Tra i tanti compiti che sono affidati al sindaco di un comune c’è anche quello di garantire la sicurezza dei cittadini. Un sindaco non può assumersi il rischio di accogliere persone senza sapere chi siano. Per questo vogliamo sapere quali sono i controlli che la Provincia di Trento garantisce nelle strutture ospitanti. Non possiamo aspettare che siano le forze dell’ordine, per giunta poche e mal pagate, a sobbarcarsi le conseguenze di eventuali azioni criminose che potevano essere intercettate in anticipo. Non si può negare l’accoglienza, ma è necessario che queste persone siano identificate, per stroncare sul nascere episodi di delinquenza e malaffare. È di vitale importanza, quindi, accelerare i tempi per l’identificazione e la concessione delle richieste di asilo. Entro 30 giorni le procedure di identificazione devono essere completate, per evitare che le persone si allontanino dai centri di accoglienza e passino alla clandestinità. Anche per questo motivo il M5S ha chiesto un piano di assunzioni per rendere efficienti le commissioni che hanno il compito di valutare le richieste di asilo e portarle a termine in tempi rapidi. E poi bisogna evitare l’accentramento in grossi centri di raccolta: attualmente ¾ dei profughi sono distribuiti fra Trento e Rovereto. Il modello da perseguire è invece quello dell’accoglienza diffusa, coinvolgendo i Comuni”.

Fraccaro conclude con un appello: “Chiediamo ai sindaci di protestare contro il Governo, il ministro Alfano e la Provincia, se entro 30 giorni non avranno le necessarie garanzie su chi arriva. Questo anche in vista della preannunciata chiusura delle frontiere austriache: le conseguenze per il Trentino Alto Adige sono preoccupanti e dobbiamo essere pronti. Il Governo deve prendere in mano la situazione una volta per tutte, coordinandosi con le Province e i comuni per organizzare un sistema d’accoglienza efficiente, rispettoso dei diritti umani, ma anche della sicurezza collettiva”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: