Riccardo Fraccaro BLOG

Sollecito di risposta all’interrogazione sul sistema di trasporto tram-treno

sollecito_rispostaIeri ho sollecitato una risposta all’interrogazione 5-02250 presentata nella seduta n.182 del 4 marzo 2014 per chiedere se il Ministero itenda adottare formalmente le “Linee guida per i sistemi tram treno”, le quali sono frutto di un lavoro condiviso concluso nel luglio 2012 dal gruppo di lavoro composto dall’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, ASSTRA, Confindustria, RFI e UNIFER nonché da rappresentanti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Promuovere oggi il tram significherebbe non ripetere l’errore che venne commesso negli anni Sessanta quando il tram fu ingiustamente ritenuto un trasporto obsoleto e ormai sorpassato e venne rimosso da ben 22 città italiane. A trent’anni di distanza, il tram è considerato senza alcun dubbio una delle soluzioni più efficaci al traffico che attanaglia i centri storici di quelle stesse città, alle polveri di scarico prodotto anche da quelle stesse vetture – gli autobus a motore diesel – che allora apparivano come la soluzione più intelligente al trasporto pubblico.

Il tram è ritenuto ecologico, potente, economico, confortevole, silenzioso, longevo, testato e performante ed è anche per tale ragione che l’Unione Europea ne finanzia la reintroduzione come peraltro è accaduto nella città di Sassari dove sono stati impiegati ben 23,4 milioni di Euro di fondi comunitari per interventi che miravano a soddisfare la richiesta di mobilità urbana.

Una risposta del Governo dimostrerebbe che non vi è solo l’interesse a sprecare risorse pubbliche per centinaia di kilometri di inutili e dispendiosi cunicoli per l’alta velocità ma anche l’interesse a dare risposte alle improrogabili esigenze di milioni di cittadini che quotidianamente fanno affidamento sul trasporto pubblico locale.

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: