Riccardo Fraccaro BLOG

21 Paesi contro il TTIP: “La parola ai Parlamenti, non all’Ue. L’Italia, ovviamente, non firma!

121115eI partiti stanno svendendo il nostro Paese alle lobbies, rendendosi complici di un vero e proprio attentato nei confronti dei diritti fondamentali: il TTIP, il trattato commerciale che Usa e Ue stanno siglando in gran segreto. Un gruppo ristretto di faccendieri vuole decidere le sorti del nostro futuro scardinando le norme in materia di ambiente, lavoro , salute ed economia per favorire le multinazionali.

Imporre il TTIP significa uccidere la democrazia, ne sono consapevoli i Paesi che hanno inviato una lettera alla Commissione europea per chiedere che la decisione finale spetti ai Parlamenti nazionali e non all’Ue dei burocrati. Ben 21 Stati, dalla Germania al Portogallo, dalla Francia alla Lettonia, da Malta al Regno Unito, hanno chiesto di rimettere la procedura di ratifica nelle mani delle singole Assemblee. L’Italia, ovviamente, non ha firmato neppure questa missiva di minimo buon senso perché è chiaro che l’era renziana coincide con la più ampia cessione di sovranità.

Il Pd vuole creare dei sudditi consumatori. Noi abbiamo il dovere di difenderci e lo faremo ad ogni costo. I cittadini devono poter esprimere la propria volontà e il M5S farà in modo che ciò avvenga. Allora sarà il Governo che dovrà prenderne atto!

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: