Riccardo Fraccaro BLOG

Blitz del Pd alla Camera: vuole varare i privilegi dei dipendenti previsti dalla defunta riforma

È inaudito. L’ex premier silurato dai cittadini dimostra di non aver imparato la lezione e, nonostante la bocciatura subita con il referendum, vuole imporre le stesse norme previste dalla riforma incostituzionale. Il partito di Renzi, con un blitz in Ufficio di Presidenza, tenterà di approvare il ruolo unico dei dipendenti: un provvedimento fatto per blindare i privilegi dei superburocrati che era previsto dall’articolo 40 della riforma. Il Pd calpesta la democrazia con un’arroganza istituzionale senza precedenti.

Noncurante della volontà popolare espressa da quasi 20 milioni di italiani, Renzi vuole applicare una norma contenuta nella defunta riforma: l’istituzione del ruolo unico dei dipendenti di Camera e Senato. Se verrà approvato, a differenza di ciò che accade oggi, ci sarà un testo comune per disciplinare il trattamento giuridico ed economico dei funzionari dei due rami del Parlamento. Quindi ogni modifica futura agli stipendi dei burocrati dovrà essere decisa non più come avviene oggi solo dalla Camera o dal Senato, ma da entrambi contemporaneamente. Servirà una maggioranza bulgara e sarà di fatto impossibile tagliare.

Il Pd ha già alzato le indennità di funzione degli altri funzionari parlamentari, con un aumento di stipendio fino a 2.200 euro al mese per chi guadagna già oltre 300mila euro l’anno. Ora vuole blindare questi privilegi con il ruolo unico previsto dalla controriforma. E poi Renzi bolla come assistenzialismo il reddito di cittadinanza in un Paese che ha 8 milioni di poveri. È l’ennesimo schiaffo del segretario Pd ai cittadini! Dobbiamo fermalo e dobbiamo farlo insieme: aiutateci a diffondere questo scandalo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: